Matrimonio da fiaba in oro e bianco

Le note allegre, trascinanti di una musica slava riempiono i silenzi di una calda notte di giugno. Siamo sulle colline che sovrastano la splendida Firenze, in un magnifico castello di stile medievale, illuminato sapientemente da luci che creano una atmosfera magica.

All’interno, nel cortile, nel divertimento più completo e spensierato, la coppia di sposi insieme agli amici più sinceri e allegri, si abbandona a balli e danze tradizionali rumene. Il gruppo musicale, quello di Adi De La Valcea, è uno dei più noti in Romania ed è intervenuto appositamente per rendere ancora più indimenticabile la festa di nozze. Lo sposo, un noto giocatore di calcio rumeno, trasferito da poco in Inghilterra in una squadra di Premier League. Lei, la sua innamoratissima ragazza, trasformatasi in questo giorno in una vera e propria principessa.

Ma facciamo un passo indietro. Ho conosciuto la sposa in occasione di una sua visita a Firenze. Ebbene si: tra tutte le città del mondo che avrebbe potuto scegliere per coronare il suo sogno, ha scelto proprio la nostra città. E come darle torto?

Al primo incontro abbiamo trovato subito la sintonia ed insieme abbiamo cominciato a tessere la tela del matrimonio che desiderava. I contatti successivi e lo scambio di emails con lei che si trovava a Londra insieme al suo promesso sposo, ci hanno permesso di pianificare tutto e quando siamo arrivati alla sera prima del matrimonio, in occasione dell’incontro anche con il compagno, eravamo già perfettamente preparati.

Il giorno prescelto, in una delle giornate più calde di questa estate, in una stupenda chiesa di Firenze, situata a pochi passi da Piazza della Signoria   , gli elegantissimi ospiti provenienti sia dalla Romania che da altre città europee, aspettavano con ansia l’arrivo della sposa.

Lo sposo, anche lui elegantissimo e visibilmente emozionato, sostava nel transetto insieme al parroco, anche lui rumeno, e riceveva i complimenti e gli auguri di tutti gli invitati. La chiesa era un tripudio di rose bianche sapientemente disposte a boule in alti vasi di cristallo, in composizione con vasi leggermente più bassi dove galleggiavano in acqua piccole candele accese; il tutto segnava il percorso dalla porta fino all’altare.

Ed ecco lei: la sposa. L’arrivo in una Rolls Royce d’epoca, di colore bianco, suscitava l’attenzione e l’ammirazione anche dei numerosi passanti e turisti in transito, e la sua salita sulla scalinata verso la chiesa, lei biondissima in elegante abito lungo bianco con strascico e velo,  ha sentito anche l’eco di qualche applauso spontaneo. La cerimonia si è svolta in rito e in lingua rumena, alternato da canti e da musiche appartenenti alle loro tradizioni, in un clima di generale commozione.

Alla fine, all’uscita dalla chiesa, la coppia di sposi ha lasciato gli amici per recarsi in angoli discreti e suggestivi della bellissima Firenze per scattare foto veramente artistiche.

Tutto il gruppo si è poi in serata trasferito, con mezzi da noi appositamente organizzati, presso il Castello di Vincigliata dove si sarebbe poi tenuta la cena. Nel bellissimo giardino all’italiana prospiciente il Castello, con una vista mozzafiato su Firenze, gli ospiti hanno potuto godersi un lungo aperitivo al magico suono di un gruppo di archi che impreziosivano l’atmosfera.

La serata si è fatta piano piano più fresca ed ha permesso poi agli sposi ed agli invitati di trasferirsi nella zona al coperto dove avevamo disposto i tavoli per la cena. Al centro dei tavoli, elegantemente apparecchiati con tovaglie color crema, sottopiatti e  posateria dorate, bicchieri e calici di cristallo, troneggiavano gli addobbi floreali: piccoli vasetti colmi di rose bianche e alti vasi di cristallo con boule di rose e orchidee bianchi; intorno ancora vasetti di cristallo con candele color oro accese. Il tutto in un alternarsi di altezze diverse che davano dimensione e volume, pur mantenendo i toni e i colori che erano il leit-motiv dell’addobbo. Ma il tocco particolare è stato l’organizzare, durante la cena, intermezzi musicali che hanno permesso agli sposi ed agli invitati di scatenarsi in balli che hanno movimentato e riempito di allegria tutta la serata.  E’ stato veramente stupendo vedere sia i giovani che anche i meno giovani  partecipare con vera gioia a questo evento! Alla consolle, oltre al dj, si sono alternate vere stelle della tv rumena:  il cantante Stefan Stan e la star della TV Delia, due celebrità che hanno pienamente mantenuto fede alla loro meritata fama.

La cena si è svolta con cadenze regolari, alternando piatti sapientemente cucinati e presentati. La qualità deve essere sempre impeccabile. E così è stato anche questa volta.

Al momento del taglio della torta, gli sposi avevano deciso di allestire un cake corner eccezionale: si alternavano prelibatezze italiane a manicaretti provenienti dalla cucina internazionale. Lo champagne ha riempito i calici ed ha reso il resto della serata particolarmente “frizzante”!

Colpo alla Hollywood la proiezione, approfittando dell’oscurità della notte, direttamente sulla facciata del castello, della storia degli sposi raccontata con una sequenza di foto e musiche risalenti fin dalla loro infanzia. I due sposi, visibilmente emozionati e commossi, hanno ringraziato i loro ospiti per la sorpresa e per aver partecipato con loro a questa giornata piena di gioia. E dopo l’ennesimo brindisi, tutti in cortile a ballare fino all’alba!!!

E’ stato veramente un successo, e gli sposi sono stati veramente carini: è così bello poter creare un legame che possa permettere di renderli felici e queste giornate veramente memorabili..

Due sposi in fuga: il matrimonio di Alex e Nick

La sposa, si sa, è il perno attorno a cui ruota ogni matrimonio, il catalizzatore dell’attenzione altrui e dei flash [...]
READ MORE

Armonie di settembre in bianco e viola

I sogni d’amore non si improvvisano: si costruiscono dettaglio dopo dettaglio. Coni di carta pieni di petali pronti per essere [...]
READ MORE

Matrimonio country chic a San Gimignano

Se ne erano innamorati subito, a prima vista. Loro, una brillante ed atletica coppia proveniente dagli Stati Uniti, da una [...]
READ MORE